Per rimanere sempre aggiornato        Iscriviti alla newsletter

DE FABIANI E PELLEGRINO DI BRONZO ALLA TEAM SPRINT IRIDATA DI SEEFELD

Una team sprint spettacolare ha visto la coppia azzurra conquistare il bronzo con un finale in cui non sono mancate le emozioni.

 

Seefeld, Austria – 24 Febbraio 2019 - La coppia di valdostani impegnata nella Team Sprint di Seefeld ha fatto sognare. Il risultato ripaga ampiamente le aspettative con un bronzo che entra nella storia.

Una gara che ha avuto diverse interpretazioni durante il suo svolgimento: i primi due cambi con un ritmo non elevatissimo hanno visto i nostri portacolori rimanere nella pancia del plotone cercando di risparmiare energie; poi a metà gara le prime schermaglie. Penultima frazione di deFast da incorniciare: il gressonaro riesce ad agguantare la terza posizione e la mantiene fino all’ultimo cambio con il poliziotto di Nus, il quale parte a spron battuto per chiudere il più possibile sulla testa. In cima all’ultima salita si ritrova tra i primi tre, ma la gara sembra quasi fermarsi: ancora una volta a questi campionati del mondo vediamo tanto tatticismo, infatti il gruppo dei primi quasi si ferma. Il primo a rompere le righe è il russo Sasha Bolshunov, seguito dal norvegese Johannes H. Klæbo. Pellegrino nella parte interna della curva reagisce rapidamente ai due nordici, rimane dapprima un poco stretto e ostacolato da Halfvarsson, ma successivamente riesce a scappare via e chiudere sui primi. La discesa e i metri finali verso il traguardo sono mozzafiato: la Norvegia di Klæebo e Iversen vince l’oro con quasi due secondi sulla Russia di Retivykh e Bolshunov. La battaglia vera è quella per il terzo posto: una volata magistrale vede Federico Pellegrino dominare Halfvarsson. L’Italia è nuovamente sul podio ad una team sprint mondiale.

A caldo Francesco ha commentato così: «Era una gara a cui tenevo davvero tanto, e sono assolutamente contento sia andata così, sia per me, sia per l’Italia come team. É stato incredibile essere a bordo pista e godermi anche la volata finale. Una gran bella sensazione poter confermare le aspettative. Questa mattina in semifinale non avevo delle sensazioni molto positive, mentre in finale mi sono sentito nuovamente bene e ho potuto competere dando il massimo. Gli sci erano ottimi e l’evoluzione di gara è andata secondo i piani. Sono contento per la nostra squadra: bello aver conquistato questo risultato con Chicco visto che sono oramai anni che ci alleniamo e fatichiamo assieme quasi tutti i giorni, ma altresì emozionante condividere questa gioia con tutti coloro che, con un duro impegno, hanno contribuito a questo risultato memorabile!».

Nel 2007 in Giappone alla Sapporo Dome Renato Pasini e Cristian Zorzi vinsero la medaglia d’oro. Oggi a Seefeld in Austria un nuovo capitolo per la Team Sprint azzurra: Francesco De Fabiani, in coppia con Federico Pellegrino si sono conquistati con le unghie e con i denti un bronzo splendido.

I mondiali austriaci di Seefeld 2019 non finiscono qui per DeFast: smaltita la gioia per questa medaglia tanto attesa correrà la 15 km in classico mercoledì 27 febbraio. Sale dunque l’attesa per una delle gare più amate dal gressonaro.

.

_______________________________

Press Office of Francesco De Fabiani

         

 

     

 

© All photos are property of Nordic Focus - Nickland Media - Flavio Becchis

 

e-max.it: your social media marketing partner
itenfifrdejanoptruessv
  • Canada - Quebec - Francesco De Fabiani - 15Km Mass Start

    DE FABIANI CHIUDE LA SUA MIGLIOR STAGIONE DI COPPA CON UN 4° POSTO IN CANADA

    DE FABIANI CHIUDE LA SUA MIGLIOR STAGIONE DI

    Read More
  • Canada - Quebec - Francesco De Fabiani - 15Km Mass Start

    FRANCESCO DE FABIANI 4° NELLA 15 KM DI QUÉBEC CITY

    FRANCESCO DE FABIANI 4° NELLA 15 KM DI

    Read More
  • Nella splendida cornice di pubblico di Seefeld, già sede dei mondiali del 1985, il gressonaro del Centro Sportivo Esercito di Courmayeur, Francesco De Fabiani ha faticato, complice una condizione meteo insolita e ha occupato l’ultima posizione della Top 20.  Giornata davvero difficile, per atleti e skimen, temperatura elevatissima, pubblico in visibilio: ecco gli ingredenti principali di questa fine di febbraio in Austria.  Nella gara dominata, forse a sorpresa dal redidivo norvegese Martin Johnsrud Sundby, De Fabiani non è mai stato in gara per le medaglie, forse anche a causa di una neve primaverile che ha regalato diverse sorprese.   Sundby ha preceduto il russo Bessmertnykh, 2° e il favoritissmo finlandese Niskanen. DeFast, attesissimo, ha fermato il cronometro in 40.20’3”, a 1.57” dal vincitore.  «Oggi è stata un gara molto difficile, fisica e per certi versi davvero insolita – dice De Fabiani al termine dello sforzo – sicuramente le correre alle 14:00 con queste temperature è molto impegnativo per noi atleti e per coloro che, ininterrottamente lavorano per noi preparandoci i materiali, ovvero gli skimen. Ci abbiamo provato, ma le gambe non erano forse al meglio. Preparare gli sci oggi non era affatto semplice, basta guardare le temperature».  Giornata da incorniciare invece per i supporters: «Beh, l’atmosfera era fantastica, voglio ringraziare il pubblico e i miei tifosi accorsi dalla Valle d’Aosta per starmi vicino. Non è andata benissimo, ma del resto non si può sempre andare bene. Ho trovato semplicemente una giornata difficile, voltiamo pagina e pensiamo ai prossimi impegni».  E i prossimi impegni, sono dietro l’angolo: «Ci sono ancora due gare per fare bene: venerdì nella staffetta dovremo lottare per il podio. Il tempo pare sia in procinto di cambiare, dovrebbe annuvolarsi. Speriamo che cambi la neve, noi ce la metteremo tutta».  Domenica infine, la 50 km: «Ci terrei a farla, ma prima vorrei capire che tipo di neve ci sarà, che condizioni troveremo. Ovviamente gli impegni si sommano e la fatica aumenta. Se la neve diventasse più dura, e quindi più adatta alle mie caratteristiche, la farò, altrimenti mi concentrerò sulla prossima gara di Coppa del Mondo, guarda caso proprio una 50 km, ma quella di Oslo, in programma la settimana successiva»

    FRANCESCO DE FABIANI 18° NELLA 15 KM DI FALUN

    FRANCESCO DE FABIANI 18° NELLA 15 KM DI

    Read More
  • Nella splendida cornice di pubblico di Seefeld, già sede dei mondiali del 1985, il gressonaro del Centro Sportivo Esercito di Courmayeur, Francesco De Fabiani ha faticato, complice una condizione meteo insolita e ha occupato l’ultima posizione della Top 20.  Giornata davvero difficile, per atleti e skimen, temperatura elevatissima, pubblico in visibilio: ecco gli ingredenti principali di questa fine di febbraio in Austria.  Nella gara dominata, forse a sorpresa dal redidivo norvegese Martin Johnsrud Sundby, De Fabiani non è mai stato in gara per le medaglie, forse anche a causa di una neve primaverile che ha regalato diverse sorprese.   Sundby ha preceduto il russo Bessmertnykh, 2° e il favoritissmo finlandese Niskanen. DeFast, attesissimo, ha fermato il cronometro in 40.20’3”, a 1.57” dal vincitore.  «Oggi è stata un gara molto difficile, fisica e per certi versi davvero insolita – dice De Fabiani al termine dello sforzo – sicuramente le correre alle 14:00 con queste temperature è molto impegnativo per noi atleti e per coloro che, ininterrottamente lavorano per noi preparandoci i materiali, ovvero gli skimen. Ci abbiamo provato, ma le gambe non erano forse al meglio. Preparare gli sci oggi non era affatto semplice, basta guardare le temperature».  Giornata da incorniciare invece per i supporters: «Beh, l’atmosfera era fantastica, voglio ringraziare il pubblico e i miei tifosi accorsi dalla Valle d’Aosta per starmi vicino. Non è andata benissimo, ma del resto non si può sempre andare bene. Ho trovato semplicemente una giornata difficile, voltiamo pagina e pensiamo ai prossimi impegni».  E i prossimi impegni, sono dietro l’angolo: «Ci sono ancora due gare per fare bene: venerdì nella staffetta dovremo lottare per il podio. Il tempo pare sia in procinto di cambiare, dovrebbe annuvolarsi. Speriamo che cambi la neve, noi ce la metteremo tutta».  Domenica infine, la 50 km: «Ci terrei a farla, ma prima vorrei capire che tipo di neve ci sarà, che condizioni troveremo. Ovviamente gli impegni si sommano e la fatica aumenta. Se la neve diventasse più dura, e quindi più adatta alle mie caratteristiche, la farò, altrimenti mi concentrerò sulla prossima gara di Coppa del Mondo, guarda caso proprio una 50 km, ma quella di Oslo, in programma la settimana successiva»

    DE FABIANI 14° NELLA 50 KM DI SEEFELD

    DE FABIANI 14° NELLA 50 KM DI SEEFELD

    Read More
  • Nella splendida cornice di pubblico di Seefeld, già sede dei mondiali del 1985, il gressonaro del Centro Sportivo Esercito di Courmayeur, Francesco De Fabiani ha faticato, complice una condizione meteo insolita e ha occupato l’ultima posizione della Top 20.  Giornata davvero difficile, per atleti e skimen, temperatura elevatissima, pubblico in visibilio: ecco gli ingredenti principali di questa fine di febbraio in Austria.  Nella gara dominata, forse a sorpresa dal redidivo norvegese Martin Johnsrud Sundby, De Fabiani non è mai stato in gara per le medaglie, forse anche a causa di una neve primaverile che ha regalato diverse sorprese.   Sundby ha preceduto il russo Bessmertnykh, 2° e il favoritissmo finlandese Niskanen. DeFast, attesissimo, ha fermato il cronometro in 40.20’3”, a 1.57” dal vincitore.  «Oggi è stata un gara molto difficile, fisica e per certi versi davvero insolita – dice De Fabiani al termine dello sforzo – sicuramente le correre alle 14:00 con queste temperature è molto impegnativo per noi atleti e per coloro che, ininterrottamente lavorano per noi preparandoci i materiali, ovvero gli skimen. Ci abbiamo provato, ma le gambe non erano forse al meglio. Preparare gli sci oggi non era affatto semplice, basta guardare le temperature».  Giornata da incorniciare invece per i supporters: «Beh, l’atmosfera era fantastica, voglio ringraziare il pubblico e i miei tifosi accorsi dalla Valle d’Aosta per starmi vicino. Non è andata benissimo, ma del resto non si può sempre andare bene. Ho trovato semplicemente una giornata difficile, voltiamo pagina e pensiamo ai prossimi impegni».  E i prossimi impegni, sono dietro l’angolo: «Ci sono ancora due gare per fare bene: venerdì nella staffetta dovremo lottare per il podio. Il tempo pare sia in procinto di cambiare, dovrebbe annuvolarsi. Speriamo che cambi la neve, noi ce la metteremo tutta».  Domenica infine, la 50 km: «Ci terrei a farla, ma prima vorrei capire che tipo di neve ci sarà, che condizioni troveremo. Ovviamente gli impegni si sommano e la fatica aumenta. Se la neve diventasse più dura, e quindi più adatta alle mie caratteristiche, la farò, altrimenti mi concentrerò sulla prossima gara di Coppa del Mondo, guarda caso proprio una 50 km, ma quella di Oslo, in programma la settimana successiva»

    20° POSTO PER FRANCESCO DE FABIANI NELLA 15 KM MONDIALE

    20° POSTO PER FRANCESCO DE FABIANI NELLA 15

    Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Per rimanere sempre aggiornato        Iscriviti alla newsletter


De Fabiani Logo Fontina
 
De Fabiani Logo Fontina
image
image
image
suunto logo
Esercito Italiano

image
image
image
image
 
Per rimanere sempre aggiornato          Iscriviti alla newsletter