Per rimanere sempre aggiornato        Iscriviti alla newsletter

FRANCESCO DE FABIANI PRONTO ALL’ESORDIO


Poche ore al via della Coppa del Mondo 2018/19 di sci di fondo. L’alpino di Gressoney ha dominato il test di Rovaniemi, battendo diversi francesi. Obiettivo della stagione il Tour de Ski che si concluderà sul Cermis e ovviamente i campionati del mondo di Seefeld, in Austria.


La stagione del fondo è alle porte e il portacolori del Centro Sportivo Esercito Francesco De Fabiani è pronto a fare l’esordio stagionale in Finlandia, a Ruka, per il tradizionale appuntamento di apertura della Coppa del Mondo.

La “prima” dell’anno prevede due appuntamenti, sabato 24 novembre una sprint in classico e domenica 25 una 15 km a cronometro, sempre in classico.
L’alpino di Gressoney è fiducioso e motivato: “Mi sento bene, i test dicono che sono a buon punto con la condizione. Di certo, sabato e domenica sarà un’incognita perché non si conosce bene il valore degli avversari. Essendo il primo appuntamento di coppa, tutti vorranno fare bene. Ho una gran voglia di mettere il pettorale e capire il mio livello attuale.


Gli azzurri arrivano da un periodo di intensi allenamenti in Scandinavia: “Sono partito due settimane fa e abbiamo fatto 12 giorni a Rovaniemi, che di fatto precedono queste prime tre settimane di gare. Se le cose andranno bene l’intenzione sarebbe di rimanere al Nord sino all’appuntamento di Beitostolen (dove ci sarà la 30 km TL, non proprio la “mia gara” e la staffetta, alla quale tengo in modo particolare). Partire subito bene sarebbe un ottimo aiuto psicologico perché significherebbe che la strada imboccata a livello di preparazione è quella giusta. Certamente i norvegesi e i russi, che arrivano dalle gare di qualifica (che servono a partecipare a Ruka), ragioneranno diversamente perché per loro questo appuntamento, così come i prossimi sino a Natale, saranno validi come ulteriore “qualifica” per i mondiali di Seefeld.


Il week-end finlandese proprio per questi motivi sarà tra quelli con il livello più alto: “Non saranno della partita Cologna e Manificat, che hanno pianificato l’esordio per diversi motivi più avanti; gli altri non mancheranno. Sabato sarò in gara nella Sprint in classico e devo dire la salita nel finale mi piace un sacco e spero di poter fare bene. “
La 15 km di domenica (3.750 m da ripetersi 4 volte) sarà a cronometro: “Si formeranno alcuni trenini – dice De Fabiani – ci vorrà anche un po’ di fortuna, ma quella è indubbiamente il mio format e come dicevo sarebbe importante partire col piede giusto.”


A livello tecnico la nazionale italiana potrà contare su un nuovo allenatore: “Con Stefano Saracco, che già conoscevo da Under 23, c’è stata subito intesa, nonostante abbiamo iniziato tardi a giugno. La stagione è letteralmente “volata” tra allenamenti e preparazione.”


La stagione di De Fabiani proseguirà con il Mini Tour di Lillehammer (15 km TL e inseguimento TC ) in una pista da lui particolarmente amata, poi Davos in Svizzera. Breve pausa agonistica a Natale prima di partire per il Tour de Ski, che assieme ai mondiali di Seefeld e la tappa in casa a Cogne sarà l’obiettivo principale della stagione.


Ufficio Stampa Francesco De Fabiani

 

© All photos are property of Nordic Focus

e-max.it: your social media marketing partner
itenfifrdejanoptruessv
  • Canada - Quebec - Francesco De Fabiani - 15Km Mass Start

    DE FABIANI CHIUDE LA SUA MIGLIOR STAGIONE DI COPPA CON UN 4° POSTO IN CANADA

    DE FABIANI CHIUDE LA SUA MIGLIOR STAGIONE DI

    Read More
  • Canada - Quebec - Francesco De Fabiani - 15Km Mass Start

    FRANCESCO DE FABIANI 4° NELLA 15 KM DI QUÉBEC CITY

    FRANCESCO DE FABIANI 4° NELLA 15 KM DI

    Read More
  • Nella splendida cornice di pubblico di Seefeld, già sede dei mondiali del 1985, il gressonaro del Centro Sportivo Esercito di Courmayeur, Francesco De Fabiani ha faticato, complice una condizione meteo insolita e ha occupato l’ultima posizione della Top 20.  Giornata davvero difficile, per atleti e skimen, temperatura elevatissima, pubblico in visibilio: ecco gli ingredenti principali di questa fine di febbraio in Austria.  Nella gara dominata, forse a sorpresa dal redidivo norvegese Martin Johnsrud Sundby, De Fabiani non è mai stato in gara per le medaglie, forse anche a causa di una neve primaverile che ha regalato diverse sorprese.   Sundby ha preceduto il russo Bessmertnykh, 2° e il favoritissmo finlandese Niskanen. DeFast, attesissimo, ha fermato il cronometro in 40.20’3”, a 1.57” dal vincitore.  «Oggi è stata un gara molto difficile, fisica e per certi versi davvero insolita – dice De Fabiani al termine dello sforzo – sicuramente le correre alle 14:00 con queste temperature è molto impegnativo per noi atleti e per coloro che, ininterrottamente lavorano per noi preparandoci i materiali, ovvero gli skimen. Ci abbiamo provato, ma le gambe non erano forse al meglio. Preparare gli sci oggi non era affatto semplice, basta guardare le temperature».  Giornata da incorniciare invece per i supporters: «Beh, l’atmosfera era fantastica, voglio ringraziare il pubblico e i miei tifosi accorsi dalla Valle d’Aosta per starmi vicino. Non è andata benissimo, ma del resto non si può sempre andare bene. Ho trovato semplicemente una giornata difficile, voltiamo pagina e pensiamo ai prossimi impegni».  E i prossimi impegni, sono dietro l’angolo: «Ci sono ancora due gare per fare bene: venerdì nella staffetta dovremo lottare per il podio. Il tempo pare sia in procinto di cambiare, dovrebbe annuvolarsi. Speriamo che cambi la neve, noi ce la metteremo tutta».  Domenica infine, la 50 km: «Ci terrei a farla, ma prima vorrei capire che tipo di neve ci sarà, che condizioni troveremo. Ovviamente gli impegni si sommano e la fatica aumenta. Se la neve diventasse più dura, e quindi più adatta alle mie caratteristiche, la farò, altrimenti mi concentrerò sulla prossima gara di Coppa del Mondo, guarda caso proprio una 50 km, ma quella di Oslo, in programma la settimana successiva»

    FRANCESCO DE FABIANI 18° NELLA 15 KM DI FALUN

    FRANCESCO DE FABIANI 18° NELLA 15 KM DI

    Read More
  • Nella splendida cornice di pubblico di Seefeld, già sede dei mondiali del 1985, il gressonaro del Centro Sportivo Esercito di Courmayeur, Francesco De Fabiani ha faticato, complice una condizione meteo insolita e ha occupato l’ultima posizione della Top 20.  Giornata davvero difficile, per atleti e skimen, temperatura elevatissima, pubblico in visibilio: ecco gli ingredenti principali di questa fine di febbraio in Austria.  Nella gara dominata, forse a sorpresa dal redidivo norvegese Martin Johnsrud Sundby, De Fabiani non è mai stato in gara per le medaglie, forse anche a causa di una neve primaverile che ha regalato diverse sorprese.   Sundby ha preceduto il russo Bessmertnykh, 2° e il favoritissmo finlandese Niskanen. DeFast, attesissimo, ha fermato il cronometro in 40.20’3”, a 1.57” dal vincitore.  «Oggi è stata un gara molto difficile, fisica e per certi versi davvero insolita – dice De Fabiani al termine dello sforzo – sicuramente le correre alle 14:00 con queste temperature è molto impegnativo per noi atleti e per coloro che, ininterrottamente lavorano per noi preparandoci i materiali, ovvero gli skimen. Ci abbiamo provato, ma le gambe non erano forse al meglio. Preparare gli sci oggi non era affatto semplice, basta guardare le temperature».  Giornata da incorniciare invece per i supporters: «Beh, l’atmosfera era fantastica, voglio ringraziare il pubblico e i miei tifosi accorsi dalla Valle d’Aosta per starmi vicino. Non è andata benissimo, ma del resto non si può sempre andare bene. Ho trovato semplicemente una giornata difficile, voltiamo pagina e pensiamo ai prossimi impegni».  E i prossimi impegni, sono dietro l’angolo: «Ci sono ancora due gare per fare bene: venerdì nella staffetta dovremo lottare per il podio. Il tempo pare sia in procinto di cambiare, dovrebbe annuvolarsi. Speriamo che cambi la neve, noi ce la metteremo tutta».  Domenica infine, la 50 km: «Ci terrei a farla, ma prima vorrei capire che tipo di neve ci sarà, che condizioni troveremo. Ovviamente gli impegni si sommano e la fatica aumenta. Se la neve diventasse più dura, e quindi più adatta alle mie caratteristiche, la farò, altrimenti mi concentrerò sulla prossima gara di Coppa del Mondo, guarda caso proprio una 50 km, ma quella di Oslo, in programma la settimana successiva»

    DE FABIANI 14° NELLA 50 KM DI SEEFELD

    DE FABIANI 14° NELLA 50 KM DI SEEFELD

    Read More
  • Nella splendida cornice di pubblico di Seefeld, già sede dei mondiali del 1985, il gressonaro del Centro Sportivo Esercito di Courmayeur, Francesco De Fabiani ha faticato, complice una condizione meteo insolita e ha occupato l’ultima posizione della Top 20.  Giornata davvero difficile, per atleti e skimen, temperatura elevatissima, pubblico in visibilio: ecco gli ingredenti principali di questa fine di febbraio in Austria.  Nella gara dominata, forse a sorpresa dal redidivo norvegese Martin Johnsrud Sundby, De Fabiani non è mai stato in gara per le medaglie, forse anche a causa di una neve primaverile che ha regalato diverse sorprese.   Sundby ha preceduto il russo Bessmertnykh, 2° e il favoritissmo finlandese Niskanen. DeFast, attesissimo, ha fermato il cronometro in 40.20’3”, a 1.57” dal vincitore.  «Oggi è stata un gara molto difficile, fisica e per certi versi davvero insolita – dice De Fabiani al termine dello sforzo – sicuramente le correre alle 14:00 con queste temperature è molto impegnativo per noi atleti e per coloro che, ininterrottamente lavorano per noi preparandoci i materiali, ovvero gli skimen. Ci abbiamo provato, ma le gambe non erano forse al meglio. Preparare gli sci oggi non era affatto semplice, basta guardare le temperature».  Giornata da incorniciare invece per i supporters: «Beh, l’atmosfera era fantastica, voglio ringraziare il pubblico e i miei tifosi accorsi dalla Valle d’Aosta per starmi vicino. Non è andata benissimo, ma del resto non si può sempre andare bene. Ho trovato semplicemente una giornata difficile, voltiamo pagina e pensiamo ai prossimi impegni».  E i prossimi impegni, sono dietro l’angolo: «Ci sono ancora due gare per fare bene: venerdì nella staffetta dovremo lottare per il podio. Il tempo pare sia in procinto di cambiare, dovrebbe annuvolarsi. Speriamo che cambi la neve, noi ce la metteremo tutta».  Domenica infine, la 50 km: «Ci terrei a farla, ma prima vorrei capire che tipo di neve ci sarà, che condizioni troveremo. Ovviamente gli impegni si sommano e la fatica aumenta. Se la neve diventasse più dura, e quindi più adatta alle mie caratteristiche, la farò, altrimenti mi concentrerò sulla prossima gara di Coppa del Mondo, guarda caso proprio una 50 km, ma quella di Oslo, in programma la settimana successiva»

    20° POSTO PER FRANCESCO DE FABIANI NELLA 15 KM MONDIALE

    20° POSTO PER FRANCESCO DE FABIANI NELLA 15

    Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Per rimanere sempre aggiornato        Iscriviti alla newsletter


De Fabiani Logo Fontina
De Fabiani Logo Fontina
image
image
image
suunto logo
Esercito Italiano

image
image
image
image
 
Per rimanere sempre aggiornato          Iscriviti alla newsletter