Per rimanere sempre aggiornato        Iscriviti alla newsletter

É UN DE FABIANI STELLARE: 2° A OBERSTDORF

Splendida seconda piazza al Tour de Ski per il gressonaro nella 15 km in classico in territorio tedesco. Solo Iversen meglio di “Defast” in una gara selettiva ed emozionante.

Oberstdorf, Germania – 02 Gen. 2019 - Era tra i più attesi e non ha assolutamente deluso i propri tifosi: Francesco De Fabiani ha chiuso al secondo posto nella 15 km di Oberstdorf in tecnica classica con partenza in linea, il suo format preferito e forse, la sua location prediletta.

Giornata impegnativa in Germania per la quarta tappa del Tour de Ski a causa della nevicata che con il trascorrere dei km è diventata sempre più fitta.

Defast” è partito bene, sornione e determinato, sempre nelle posizioni di testa a controllare i migliori della tredicesima edizione della più importante corsa a tappe del panorama fondistico internazionale.

La gara si è risolta proprio nel finale, De Fabiani ha risposto all’allungo poderoso di Emil Iversen e i due si sono giocati la vittoria negli ultimi metri con il norvegese ottimo vincitore e De Fabiani splendido secondo a soli 9 decimi, un’inezia. Terzo posto per Ustiugov, quarto per Roethe, quinto per Halfvarsson. Come dire, l’olimpo dello sci nordico.

Per il rappresentante del Centro Sportivo Esercito di Courmayeur è il sesto podio in carriera ed è un risultato che lo proietta nella Top Ten del Tour, per la precisione al 9° posto a 2 minuti dal leader, il norvegese Klaebo e a 1’29” dal podio della classifica generale.

«Oberstdorf è una delle mie piste preferite e come al solito qui le gare sono molto spesso condizionate dal meteo, ma la salita finale, la discesa verso l’arrivo sono molto adatte alle mie caratteristiche e questo ha fatto la differenza – tuona De Fabianiinsieme ai miei sci che erano perfetti e performanti».

E a proposito di Oberstdorf, va detto che nel 1987 papà Gian Carlo e mamma Floriana andarono a tifare per Marco Albarello nel giorno del trionfo iridato nella 15 km; sempre a Oberstdorf Francesco aveva ottenuto già due podi e, ancora, nel 2021 la stessa location sarà sede dei Campionati del Mondo.

La tattica di “DeFast” oggi è stata impeccabile: «Diciamo che ho risparmiato il più possibile. Il secondo giro è stato il più duro, non mi sentivo nemmeno così bene, poi nei giri successivi le cose sono migliorate. Era importante stare in scia nei tratti a spinta per evitare spechi di energia. Come 4 anni orsono, avrei avuto le forze per attaccare nella salita finale, ma sapevo che avrei pagato. Ho ragionato e sono molto contento del risultato finale».

Domani il Tour prevede l’inseguimento in skating e De Fabiani ha le idee chiare: «Cercherò di mantenere la condizione, guardando soprattutto alla prossima 15 km in classico in programma sabato in Val di Fiemme, per poi cercare di chiudere nella Top 10 il Tour de Ski».

__________________________________

Ufficio Stampa di Francesco De Fabiani

     

 

    

 

© All photos are property of Nordic Focus

e-max.it: your social media marketing partner
itenfifrdejanoptruessv
  • Canada - Quebec - Francesco De Fabiani - 15Km Mass Start

    DE FABIANI CHIUDE LA SUA MIGLIOR STAGIONE DI COPPA CON UN 4° POSTO IN CANADA

    DE FABIANI CHIUDE LA SUA MIGLIOR STAGIONE DI

    Read More
  • Canada - Quebec - Francesco De Fabiani - 15Km Mass Start

    FRANCESCO DE FABIANI 4° NELLA 15 KM DI QUÉBEC CITY

    FRANCESCO DE FABIANI 4° NELLA 15 KM DI

    Read More
  • Nella splendida cornice di pubblico di Seefeld, già sede dei mondiali del 1985, il gressonaro del Centro Sportivo Esercito di Courmayeur, Francesco De Fabiani ha faticato, complice una condizione meteo insolita e ha occupato l’ultima posizione della Top 20.  Giornata davvero difficile, per atleti e skimen, temperatura elevatissima, pubblico in visibilio: ecco gli ingredenti principali di questa fine di febbraio in Austria.  Nella gara dominata, forse a sorpresa dal redidivo norvegese Martin Johnsrud Sundby, De Fabiani non è mai stato in gara per le medaglie, forse anche a causa di una neve primaverile che ha regalato diverse sorprese.   Sundby ha preceduto il russo Bessmertnykh, 2° e il favoritissmo finlandese Niskanen. DeFast, attesissimo, ha fermato il cronometro in 40.20’3”, a 1.57” dal vincitore.  «Oggi è stata un gara molto difficile, fisica e per certi versi davvero insolita – dice De Fabiani al termine dello sforzo – sicuramente le correre alle 14:00 con queste temperature è molto impegnativo per noi atleti e per coloro che, ininterrottamente lavorano per noi preparandoci i materiali, ovvero gli skimen. Ci abbiamo provato, ma le gambe non erano forse al meglio. Preparare gli sci oggi non era affatto semplice, basta guardare le temperature».  Giornata da incorniciare invece per i supporters: «Beh, l’atmosfera era fantastica, voglio ringraziare il pubblico e i miei tifosi accorsi dalla Valle d’Aosta per starmi vicino. Non è andata benissimo, ma del resto non si può sempre andare bene. Ho trovato semplicemente una giornata difficile, voltiamo pagina e pensiamo ai prossimi impegni».  E i prossimi impegni, sono dietro l’angolo: «Ci sono ancora due gare per fare bene: venerdì nella staffetta dovremo lottare per il podio. Il tempo pare sia in procinto di cambiare, dovrebbe annuvolarsi. Speriamo che cambi la neve, noi ce la metteremo tutta».  Domenica infine, la 50 km: «Ci terrei a farla, ma prima vorrei capire che tipo di neve ci sarà, che condizioni troveremo. Ovviamente gli impegni si sommano e la fatica aumenta. Se la neve diventasse più dura, e quindi più adatta alle mie caratteristiche, la farò, altrimenti mi concentrerò sulla prossima gara di Coppa del Mondo, guarda caso proprio una 50 km, ma quella di Oslo, in programma la settimana successiva»

    FRANCESCO DE FABIANI 18° NELLA 15 KM DI FALUN

    FRANCESCO DE FABIANI 18° NELLA 15 KM DI

    Read More
  • Nella splendida cornice di pubblico di Seefeld, già sede dei mondiali del 1985, il gressonaro del Centro Sportivo Esercito di Courmayeur, Francesco De Fabiani ha faticato, complice una condizione meteo insolita e ha occupato l’ultima posizione della Top 20.  Giornata davvero difficile, per atleti e skimen, temperatura elevatissima, pubblico in visibilio: ecco gli ingredenti principali di questa fine di febbraio in Austria.  Nella gara dominata, forse a sorpresa dal redidivo norvegese Martin Johnsrud Sundby, De Fabiani non è mai stato in gara per le medaglie, forse anche a causa di una neve primaverile che ha regalato diverse sorprese.   Sundby ha preceduto il russo Bessmertnykh, 2° e il favoritissmo finlandese Niskanen. DeFast, attesissimo, ha fermato il cronometro in 40.20’3”, a 1.57” dal vincitore.  «Oggi è stata un gara molto difficile, fisica e per certi versi davvero insolita – dice De Fabiani al termine dello sforzo – sicuramente le correre alle 14:00 con queste temperature è molto impegnativo per noi atleti e per coloro che, ininterrottamente lavorano per noi preparandoci i materiali, ovvero gli skimen. Ci abbiamo provato, ma le gambe non erano forse al meglio. Preparare gli sci oggi non era affatto semplice, basta guardare le temperature».  Giornata da incorniciare invece per i supporters: «Beh, l’atmosfera era fantastica, voglio ringraziare il pubblico e i miei tifosi accorsi dalla Valle d’Aosta per starmi vicino. Non è andata benissimo, ma del resto non si può sempre andare bene. Ho trovato semplicemente una giornata difficile, voltiamo pagina e pensiamo ai prossimi impegni».  E i prossimi impegni, sono dietro l’angolo: «Ci sono ancora due gare per fare bene: venerdì nella staffetta dovremo lottare per il podio. Il tempo pare sia in procinto di cambiare, dovrebbe annuvolarsi. Speriamo che cambi la neve, noi ce la metteremo tutta».  Domenica infine, la 50 km: «Ci terrei a farla, ma prima vorrei capire che tipo di neve ci sarà, che condizioni troveremo. Ovviamente gli impegni si sommano e la fatica aumenta. Se la neve diventasse più dura, e quindi più adatta alle mie caratteristiche, la farò, altrimenti mi concentrerò sulla prossima gara di Coppa del Mondo, guarda caso proprio una 50 km, ma quella di Oslo, in programma la settimana successiva»

    DE FABIANI 14° NELLA 50 KM DI SEEFELD

    DE FABIANI 14° NELLA 50 KM DI SEEFELD

    Read More
  • Nella splendida cornice di pubblico di Seefeld, già sede dei mondiali del 1985, il gressonaro del Centro Sportivo Esercito di Courmayeur, Francesco De Fabiani ha faticato, complice una condizione meteo insolita e ha occupato l’ultima posizione della Top 20.  Giornata davvero difficile, per atleti e skimen, temperatura elevatissima, pubblico in visibilio: ecco gli ingredenti principali di questa fine di febbraio in Austria.  Nella gara dominata, forse a sorpresa dal redidivo norvegese Martin Johnsrud Sundby, De Fabiani non è mai stato in gara per le medaglie, forse anche a causa di una neve primaverile che ha regalato diverse sorprese.   Sundby ha preceduto il russo Bessmertnykh, 2° e il favoritissmo finlandese Niskanen. DeFast, attesissimo, ha fermato il cronometro in 40.20’3”, a 1.57” dal vincitore.  «Oggi è stata un gara molto difficile, fisica e per certi versi davvero insolita – dice De Fabiani al termine dello sforzo – sicuramente le correre alle 14:00 con queste temperature è molto impegnativo per noi atleti e per coloro che, ininterrottamente lavorano per noi preparandoci i materiali, ovvero gli skimen. Ci abbiamo provato, ma le gambe non erano forse al meglio. Preparare gli sci oggi non era affatto semplice, basta guardare le temperature».  Giornata da incorniciare invece per i supporters: «Beh, l’atmosfera era fantastica, voglio ringraziare il pubblico e i miei tifosi accorsi dalla Valle d’Aosta per starmi vicino. Non è andata benissimo, ma del resto non si può sempre andare bene. Ho trovato semplicemente una giornata difficile, voltiamo pagina e pensiamo ai prossimi impegni».  E i prossimi impegni, sono dietro l’angolo: «Ci sono ancora due gare per fare bene: venerdì nella staffetta dovremo lottare per il podio. Il tempo pare sia in procinto di cambiare, dovrebbe annuvolarsi. Speriamo che cambi la neve, noi ce la metteremo tutta».  Domenica infine, la 50 km: «Ci terrei a farla, ma prima vorrei capire che tipo di neve ci sarà, che condizioni troveremo. Ovviamente gli impegni si sommano e la fatica aumenta. Se la neve diventasse più dura, e quindi più adatta alle mie caratteristiche, la farò, altrimenti mi concentrerò sulla prossima gara di Coppa del Mondo, guarda caso proprio una 50 km, ma quella di Oslo, in programma la settimana successiva»

    20° POSTO PER FRANCESCO DE FABIANI NELLA 15 KM MONDIALE

    20° POSTO PER FRANCESCO DE FABIANI NELLA 15

    Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Per rimanere sempre aggiornato        Iscriviti alla newsletter


De Fabiani Logo Fontina
De Fabiani Logo Fontina
image
image
image
suunto logo
Esercito Italiano

image
image
image
image
 
Per rimanere sempre aggiornato          Iscriviti alla newsletter