Per rimanere sempre aggiornato        Iscriviti alla newsletter

DE FABIANI CHIUDE AL 9° POSTO IL TOUR DE SKI

Il rappresentante del Centro Sportivo Esercito chiude nella Top 10 il Tour in Val di Fiemme e traccia un bilancio senz’altro positivo, condito dal 6° posto attuale in classifica generale di Coppa del Mondo.

Lago di Tesero, Italia – 06 Gen. 2019Francesco De Fabiani chiude al 9° posto la corsa a tappe partita nove giorni fa da Dobbiaco e conclusasi questo pomeriggio in Val di Fiemme sull’Alpe del Cermis, al termine di 9 km durissimi che hanno decretato la vittoria di Johannes Hoesflot Klaebo, davanti a Sergey Ustiugov e al brillantissimo Simen Hegstad Krueger, campione olimpico della Skiathlon in Corea.

La gara, tiratissima è partita alle 14:45 con il format dell’inseguimento in tecnica libera e ha evidenziato le doti del norvegese Sjur Roethe, 4° e miglior tempo di giornata.

Defast” è partito con cautela nella parte pianeggiante e poi nella parte iniziale della salita è stato raggiunto da un trenino assortito e pericoloso, dal quale è emerso proprio Krueger insieme a Roethe: «Per me è stata una gara dura, lo sapevo perché non amo particolarmente questa salita soprattutto a livello muscolare». Francesco è realista: «In realtà conoscerla o non conoscerla è uguale, io ho provato a risparmiare all’inizio ma mi hanno presto ripreso e ho dovuto lottare per rimanere con il gruppo degli inseguitori. Hanno imposto loro il ritmo e ho patito davvero tanto. Certamente se voglio pensare al Tour come obiettivo, non basta partire quarto all’ultima tappa».

Il gressonaro ha comunque le idee chiare e vede i lati positivi: «In futuro devo cercare di migliorare ma non si può proprio dire che sia andata male questo Tour. Certo avrei voluto migliorare la prestazione di tre anni fa ma ho potuto solo eguagliarla, mi do tutto sommato la sufficienza, anche se posso vantare due splendidi secondi posti a Oberstdorf e a Lago di Tesero che di certo mi rendono felice».

Il Cermis a skating proprio non aiuta Defast: «Beh, certo se fosse da fare in classico, magari con le pelli di foca, sarebbero pochi in grado di staccarmi ma purtroppo si corre in tecnica libera e devo fare necessariamente i complimenti a Klaebo e al resto del podio, sono stati semplicemente più forti. Dal punto di vista fisiologico le mie gambe si induriscono dopo pochi Km di salita e questo mi penalizza. C’è da dire che forse dovrei provare a fare allenamenti mirati per migliorare su queste pendenze, magari già in estate, anche se non ho idea di come fare in estate a preparare il Cermis».

«Il podio resta un miraggio – dice De Fabiani – ma in futuro mi impegnerò a migliorarmi, perché ho capito che qui, su queste pendenze il terreno lo perdi, eccome se lo perdi».

Il bilancio di Francesco è comunque positivo: «Si, ho fatto un bel Tour, sono soddisfatto e approfitto per ringraziare il mio fan club e la mia famiglia, presenti in massa sulla salita finale. Non dimentichiamoci che mi trovo al sesto posto della classifica generale di Coppa e settimo nella classifica distance: questo è molto positivo per me».

La prossima gara per l’azzurro (quest’anno verde), sarà in Estonia: «Salterò Dresda per essere performante a Otepää dove sono in programma una sprint in classico e una 15 km: da lì ripartiremo per avvicinarci al mondiale. Con oggi si chiude la seconda parte della stagione, la terza parte sarà ovviamente rivolta alle gare iridate di Seefeld in Austria a fine febbraio». 

__________________________________
Ufficio Stampa di Francesco De Fabiani

      

© All photos are property of Nordic Focus

 

 

e-max.it: your social media marketing partner
itenfifrdejanoptruessv
  • Nella splendida cornice di pubblico di Seefeld, già sede dei mondiali del 1985, il gressonaro del Centro Sportivo Esercito di Courmayeur, Francesco De Fabiani ha faticato, complice una condizione meteo insolita e ha occupato l’ultima posizione della Top 20.  Giornata davvero difficile, per atleti e skimen, temperatura elevatissima, pubblico in visibilio: ecco gli ingredenti principali di questa fine di febbraio in Austria.  Nella gara dominata, forse a sorpresa dal redidivo norvegese Martin Johnsrud Sundby, De Fabiani non è mai stato in gara per le medaglie, forse anche a causa di una neve primaverile che ha regalato diverse sorprese.   Sundby ha preceduto il russo Bessmertnykh, 2° e il favoritissmo finlandese Niskanen. DeFast, attesissimo, ha fermato il cronometro in 40.20’3”, a 1.57” dal vincitore.  «Oggi è stata un gara molto difficile, fisica e per certi versi davvero insolita – dice De Fabiani al termine dello sforzo – sicuramente le correre alle 14:00 con queste temperature è molto impegnativo per noi atleti e per coloro che, ininterrottamente lavorano per noi preparandoci i materiali, ovvero gli skimen. Ci abbiamo provato, ma le gambe non erano forse al meglio. Preparare gli sci oggi non era affatto semplice, basta guardare le temperature».  Giornata da incorniciare invece per i supporters: «Beh, l’atmosfera era fantastica, voglio ringraziare il pubblico e i miei tifosi accorsi dalla Valle d’Aosta per starmi vicino. Non è andata benissimo, ma del resto non si può sempre andare bene. Ho trovato semplicemente una giornata difficile, voltiamo pagina e pensiamo ai prossimi impegni».  E i prossimi impegni, sono dietro l’angolo: «Ci sono ancora due gare per fare bene: venerdì nella staffetta dovremo lottare per il podio. Il tempo pare sia in procinto di cambiare, dovrebbe annuvolarsi. Speriamo che cambi la neve, noi ce la metteremo tutta».  Domenica infine, la 50 km: «Ci terrei a farla, ma prima vorrei capire che tipo di neve ci sarà, che condizioni troveremo. Ovviamente gli impegni si sommano e la fatica aumenta. Se la neve diventasse più dura, e quindi più adatta alle mie caratteristiche, la farò, altrimenti mi concentrerò sulla prossima gara di Coppa del Mondo, guarda caso proprio una 50 km, ma quella di Oslo, in programma la settimana successiva»

    FRANCESCO DE FABIANI 18° NELLA 15 KM DI FALUN

    FRANCESCO DE FABIANI 18° NELLA 15 KM DI

    Read More
  • Nella splendida cornice di pubblico di Seefeld, già sede dei mondiali del 1985, il gressonaro del Centro Sportivo Esercito di Courmayeur, Francesco De Fabiani ha faticato, complice una condizione meteo insolita e ha occupato l’ultima posizione della Top 20.  Giornata davvero difficile, per atleti e skimen, temperatura elevatissima, pubblico in visibilio: ecco gli ingredenti principali di questa fine di febbraio in Austria.  Nella gara dominata, forse a sorpresa dal redidivo norvegese Martin Johnsrud Sundby, De Fabiani non è mai stato in gara per le medaglie, forse anche a causa di una neve primaverile che ha regalato diverse sorprese.   Sundby ha preceduto il russo Bessmertnykh, 2° e il favoritissmo finlandese Niskanen. DeFast, attesissimo, ha fermato il cronometro in 40.20’3”, a 1.57” dal vincitore.  «Oggi è stata un gara molto difficile, fisica e per certi versi davvero insolita – dice De Fabiani al termine dello sforzo – sicuramente le correre alle 14:00 con queste temperature è molto impegnativo per noi atleti e per coloro che, ininterrottamente lavorano per noi preparandoci i materiali, ovvero gli skimen. Ci abbiamo provato, ma le gambe non erano forse al meglio. Preparare gli sci oggi non era affatto semplice, basta guardare le temperature».  Giornata da incorniciare invece per i supporters: «Beh, l’atmosfera era fantastica, voglio ringraziare il pubblico e i miei tifosi accorsi dalla Valle d’Aosta per starmi vicino. Non è andata benissimo, ma del resto non si può sempre andare bene. Ho trovato semplicemente una giornata difficile, voltiamo pagina e pensiamo ai prossimi impegni».  E i prossimi impegni, sono dietro l’angolo: «Ci sono ancora due gare per fare bene: venerdì nella staffetta dovremo lottare per il podio. Il tempo pare sia in procinto di cambiare, dovrebbe annuvolarsi. Speriamo che cambi la neve, noi ce la metteremo tutta».  Domenica infine, la 50 km: «Ci terrei a farla, ma prima vorrei capire che tipo di neve ci sarà, che condizioni troveremo. Ovviamente gli impegni si sommano e la fatica aumenta. Se la neve diventasse più dura, e quindi più adatta alle mie caratteristiche, la farò, altrimenti mi concentrerò sulla prossima gara di Coppa del Mondo, guarda caso proprio una 50 km, ma quella di Oslo, in programma la settimana successiva»

    DE FABIANI 14° NELLA 50 KM DI SEEFELD

    DE FABIANI 14° NELLA 50 KM DI SEEFELD

    Read More
  • Nella splendida cornice di pubblico di Seefeld, già sede dei mondiali del 1985, il gressonaro del Centro Sportivo Esercito di Courmayeur, Francesco De Fabiani ha faticato, complice una condizione meteo insolita e ha occupato l’ultima posizione della Top 20.  Giornata davvero difficile, per atleti e skimen, temperatura elevatissima, pubblico in visibilio: ecco gli ingredenti principali di questa fine di febbraio in Austria.  Nella gara dominata, forse a sorpresa dal redidivo norvegese Martin Johnsrud Sundby, De Fabiani non è mai stato in gara per le medaglie, forse anche a causa di una neve primaverile che ha regalato diverse sorprese.   Sundby ha preceduto il russo Bessmertnykh, 2° e il favoritissmo finlandese Niskanen. DeFast, attesissimo, ha fermato il cronometro in 40.20’3”, a 1.57” dal vincitore.  «Oggi è stata un gara molto difficile, fisica e per certi versi davvero insolita – dice De Fabiani al termine dello sforzo – sicuramente le correre alle 14:00 con queste temperature è molto impegnativo per noi atleti e per coloro che, ininterrottamente lavorano per noi preparandoci i materiali, ovvero gli skimen. Ci abbiamo provato, ma le gambe non erano forse al meglio. Preparare gli sci oggi non era affatto semplice, basta guardare le temperature».  Giornata da incorniciare invece per i supporters: «Beh, l’atmosfera era fantastica, voglio ringraziare il pubblico e i miei tifosi accorsi dalla Valle d’Aosta per starmi vicino. Non è andata benissimo, ma del resto non si può sempre andare bene. Ho trovato semplicemente una giornata difficile, voltiamo pagina e pensiamo ai prossimi impegni».  E i prossimi impegni, sono dietro l’angolo: «Ci sono ancora due gare per fare bene: venerdì nella staffetta dovremo lottare per il podio. Il tempo pare sia in procinto di cambiare, dovrebbe annuvolarsi. Speriamo che cambi la neve, noi ce la metteremo tutta».  Domenica infine, la 50 km: «Ci terrei a farla, ma prima vorrei capire che tipo di neve ci sarà, che condizioni troveremo. Ovviamente gli impegni si sommano e la fatica aumenta. Se la neve diventasse più dura, e quindi più adatta alle mie caratteristiche, la farò, altrimenti mi concentrerò sulla prossima gara di Coppa del Mondo, guarda caso proprio una 50 km, ma quella di Oslo, in programma la settimana successiva»

    20° POSTO PER FRANCESCO DE FABIANI NELLA 15 KM MONDIALE

    20° POSTO PER FRANCESCO DE FABIANI NELLA 15

    Read More
  • DE FABIANI E PELLEGRINO DI BRONZO ALLA TEAM SPRINT IRIDATA DI SEEFELD

    DE FABIANI E PELLEGRINO DI BRONZO ALLA TEAM SPRINT IRIDATA DI SEEFELD

    DE FABIANI E PELLEGRINO DI BRONZO ALLA TEAM

    Read More
  • DE FABIANI 8° AL MONDO NELLA SPRINT

    DE FABIANI 8° AL MONDO NELLA SPRINT

    DE FABIANI 8° AL MONDO NELLA SPRINT Si

    Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Per rimanere sempre aggiornato        Iscriviti alla newsletter

De Fabiani Logo Fontina
De Fabiani Logo Fontina
image
image
image
suunto logo
Esercito Italiano
image
image
 
Per rimanere sempre aggiornato          Iscriviti alla newsletter